Come premiare un cavallo?

Premiare il proprio cavallo è un’abitudine consolidata nel mondo dell’equitazione in tutti i tipi di discipline ed attività. Come premio solitamente si intende un alimento che sia molto apprezzato dal cavallo e somministrato in piccole quantità: uno zuccherino, una carota, un frutto oppure biscotti appositamente formulati.

Solitamente l’uso del premio viene utilizzato come ricompensa. Molti sono i motivi di questa consuetudine: c’è chi lo fa per far capire al cavallo che quello è il modo corretto di eseguire un esercizio, chi per mera ricompensa al termine di uno sforzo, altri ancora per dimostrare il proprio affetto.

Per valorizzare gli effetti positivi, è importante premiare nel modo corretto il cavallo e creare una routine positiva per non stimolare comportamenti sbagliati o viziati, come l’eccessiva invadenza. Solo prestando attenzione anche all’atmosfera che si crea intorno al momento del premio si possono ottenere buoni risultati per l’addestramento e la gestione del cavallo e non incoraggiare anche involontariamente comportamenti errati. Ad esempio, è importante dare il premio sempre nello stesso modo e posizione e far rispettare il proprio spazio personale al cavallo. Inoltre, il tempo che intercorre tra il comportamento da premiare e il premio deve essere breve in modo che il cavallo stabilisca una connessione immediata.

Anche nella scelta del premio è bene prestare attenzione, affinché la quantità e la qualità del bocconcino non vada a sbilanciare gli sforzi di una corretta alimentazione. È bene scegliere snack privi di zuccheri e sottoprodotti, che siano appetibili per il cavallo ma che non contengano additivi quali conservanti, coloranti o aromi artificiali. Gli Equisnack Guidolin hanno tutte queste caratteristiche, contengono veri pezzi di frutta o verdura e sono disponibili in cinque gusti per soddisfare tutti i palati. Buoni e sani nei gusti mela, carota, cereali e vaniglia, aglio e lino.

Horses Treats
Biscotti ai fiocchi di cereali e vaniglia

Per concludere, è bene ricordare che anche una semplice carezza o un momento di tranquillità e relax tra cavallo e cavaliere è da considerarsi un premio e che questi semplici gesti possono rinforzare il premio in cibo. È importante osservare e ascoltare il proprio cavallo per premiarlo con ciò che più gli piace e gli dà maggiore soddisfazione, migliorando così l’addestramento ed il suo benessere.